NEWS

Settembre 2014

 

 


 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Quando la campagna va in città 

 

Firenze 18-21 settembre 2014


http://www.exporurale.it/news/laltra-expo-rurale-gli-appuntamenti-fuori-fortezza/

 

Da non mancare anche quest'anno L'altra EXPO RURALE, il carnet di appuntamenti green fuori del Parco delle Cascine, quartier generale dell'agricoltura,  che per quattro giorni, fino a tarda notte, portano un profumo di campagna anche nel centro di Firenze.

Attenti al profumo allora, ma attenti anche allo zzz che si sente in città  perchè in questi giorni a Firenze gira l'APE di EXPO RURALE. Come tutte le api è gialla e nera e porta il messaggio di un'agricoltura buona e durevole, attenta alla salvaguardia degli equilibri ambientali. E cercatela anche all'ora dell'APEritivo, rigorosamente analcolico, rurale e da prendere al volo.

Ecco l'elenco dei "COSA e DOVE" green da mettere in agenda e da non perdere.

E siccome l'avanzare pacifico della campagna in città procede e il verde "insidia" felicemente il cemento, quest'anno la "vernice" di Expo Rurale si tiene proprio a due passi dal duomo. 

Il pre opening party di Expo Rurale infatti è fissato per mercoledì 17 settembre h. 22.00 nel chiostro di Santa Maria Maggiore, una delle chiese più antiche di Firenze dove c'è ZAP, Zona Aromatica Protetta, il cuore verde e giovane di Firenze!

Laddove c'era un hortus conclusus dei frati ora c'è uno splendido orto urbano mobile con ortaggi, verdure, aromi curato da Legnaia (la più antica cooperativa agricola della Toscana, che dal 1903 si occupa dei prodotti della terra e delle buone pratiche di coltivazione).

La serata di cocktail  green, da sorseggiare ascoltando musica live col d.j. set tra i profumi dell'orto, si terrà qui a cura del Quinoa, locale glutine free testimone di biodiversità.

Si beve green  fino a notte fonda aspettando il taglio del nastro di Expo.

Nei giorni a seguire invece tutte le sere dalle 18.30 in poi negli stessi spazi di Vicolo Santa Maria Maggiore 1, la merenda con i cicchetti dell'orto.


Continuiamo allora con gli appuntamenti golosi.

Per tutti i giorni di Expo Rurale, la Toscana gastronomica si mette in mostra con Vetrina Toscana e lo fa esibendo i grandi classici attraverso un circuito gastronomico di ristoranti e locali fiorentini dove degustare apertitivi rurali e un intero menù Expo Rurale. 


L'Altra Expo quest'anno però vanta anche un versante stellato con una "tappa di tapas": per una settimana, dal 13 al 21 settembre, il menù del pranzo di Ora D'Aria, indirizzo gourmet a due passi da piazza della Signoria, propone una sequenza di TAPAS RURALI a base di prodotti dop e igp e prodotti agricoli della campagna toscana.

Ai fornelli lo chef stellato Marco Stabile che quest'anno vestirà i panni anche dell'arbitro del gusto per la SFIDA RURALE riservata esclusivamente a food blogger. Oggetto del contendere, la PANZANELLA: un’antica ricetta, frutto della cultura rurale toscana. Le ricette verranno eseguite e valutate nella cucina di Ora d'Aria le cui porte si spalancheranno poi per il vincitore a cui spetta in premio una giornata a fianco dello chef.


E ancora, scorrendo l'agenda:

Da giovedì 18 a domenica 21 settembre A giro per i giardini, passeggiate "guidate" nei più bei giardini fiorentini. Dal Giardino dell'Orticultura con la suggestiva serra ottocentesca in ferro, ghisa e vetro al Giardino delle Rose, "alla francese" con 350 varietà di rose antiche. E ancora, il Giardino dei Semplici, il Giardino di Villa Bardini. Senza dimenticare il Giardino Ombroso e quello Odoroso nel Parco delle Cascine.


E' visibile tutti i giorni di Expo Rurale l'installazione di frutta, verdura e ortaggi, pezzo unico di "arte agroalimentare" firmata dai farmers market e da un green designer del miglior vivaismo toscano, ospitata dal 18 al 21 settembre al Fosso Bandito, new entry tra le location conviaviali in città proprio all'entrata del Parco delle Cascine. Anche Arcimboldo potrebbe stupirsi! Tanto più bevendo uno dei frullati preparati al Fosso Bandito!


E per concludere, domenica 21 settembre h 12.00, Bon Ton nell'orto, tutti i segreti del come assemblare ravanelli, pomodori, peperoni, sedano e carote per farne un raffinato centro tavola goloso. Lezione e dimostrazione (gratuita su prenotazione al tel. 055/599095) presso il Floral Design Il Bobolino Fiesole, Via A. Gramsci 14, Fiesole.


Se la voglia di campagna ancora non è del tutto soddisfatta, basta fare pochi chilometri e raggiungere direttamente le fattorie dove dal 13 al 21 settembre c'è Fattorie Aperte, un itinerario alla scoperta dal vivo dell’agricoltura toscana laddove si fa. 

 

ufficio stampa LR Comunicazione-laura ruggieri 339/4755329 l.r.comunicazione@libero.it


Aprile 2014

Fondazione Parchi Monumentali Bardini e Peyron

Villa Bardini, via Costa San Giorgio, 6,  Firenze

 

Programma “I Giardini di Firenze” 2014

 

Il programma ‘I Giardini di Firenze’ è uno speciale programma di insegnamento in inglese o in italiano diretto a tutti quelli che parlano inglese o che stanno studiando italiano a Firenze, specialmente agli studenti delle università straniere che passano diversi mesi nella nostra città e che vogliono conoscere meglio il paesaggio fiorentino e i giardini dentro ed intorno a Firenze che sono opere che unificano arte e natura in un dialogo che continua ai giorni nostri, tra storia e contemporaneità.

La Fondazione Parchi Monumentali Bardini e Peyron ha tra i suoi principali obiettivi lo sviluppo della conoscenza del paesaggio e dei giardini. In questa direzione il programma “I Giardini di Firenze”, è stato studiato per offrire la possibilità a molti studenti di aumentare la loro conscenza riguardo ad un aspetto molto importante della nostra cultura.

Il programma è stato organizzato in due parti: una sarà tenuta nella villa Bardini, con speciali lezioni in inglese o in italiano, e la seconda parte si svolgerà all’esterno, partendo dal giardino Bardini che è uno dei più importanti giardini di Firenze per passare poi ai giardini medicei, come Boboli e i giardini delle ville intorno a Firenze con una serie di lezioni all’aperto in inglese e italiano.

Tutte le lezioni saranno tenute da specialisti della materia.

 

Il programma è diretto da Mariachiara Pozzana  per  la Fondazione Bardini e Peyron.

Workshop 1- I giardini Medicei dal Rinascimento ai Lorena.

Workshop 2- I giardini di Firenze dentro le mura , con una breve descrizione della storia urbanistica di Firenze .

Workshop 3- Le più importanti ville nei dintorni di Firenze. Teoria, sviluppo, i materiali, la vegetazione e il paesaggio.

Workshop 4- Il giardino Bardini e il giardino di  Boboli: la Greenway di Firenze  e il paesaggio del viale dei Colli.

Workshop 5-I giardini di Pietro  Porcinai: il più importante architetto del paesaggio italiano del secolo e i suoi capolavori.

Workshop 6: I giardini di Cecil Pinsent  a Firenze: lo sviluppo del giardino all’italiana, i giardini di villa I Tatti e di villa Le Balze , la mostra del giardino Italiano a Firenze 1931.

 

per info:

http://www.bardinipeyron.it/ab/

 

I GIARDINI DI FIRENZE
workshop i giardini di firenze.pdf
Documento Adobe Acrobat [772.3 KB]
Download

11 aprile 2014, Workshop 2

I GIARDINI DI FIRENZE DENTRO LE MURA:

 

dalla città medievale allo sviluppo rinascimentale e barocco, sino alle modificazioni dei giardini in stile inglese, per scoprire che ci sono molti più giardini nella nostra città pietrosa e minerale, di quanto si possa immaginare vedendo le facciate dei palazzi e i portoni chiusi.

Un itinerario storico, ma anche reale attraverso alcuni piccoli e poco visitati giardini privati di Firenze, da farsi a piedi partendo dal giardino Bardini e scendendo nel centro di Firenze.

 

Programma:

9,00 – 13,00 Villa Bardini, Costa San Giorgio, 2

14,00 – 18,00 itinerario a piedi, partenza da Villa Bardini

 

Gennaio 2014

Ricette di Giardini

Ricette di Giardini è un nuovo libro pubblicato dalle Edizioni Casalta, e presenta una decina di progetti di giardini che ho realizzato in Italia e non solo. L’idea di fondo è che ogni giardino sia una ricetta riuscita, una combinazione armoniosa di elementi. Nell’introduzione ho scritto: “Dal frutteto e dall’orto alla cucina il passo è breve: un giardino è una ricetta, un insieme di sapori, profumi, colori, esperienze e pensieri che devono essere sopraffini, rappresentare una cultura, una società e un’idea del vivere. Le ricette non devono essere copiate, devono al massimo ispirare e in questi primi anni del ventunesimo secolo le mie ricette di giardini hanno la pretesa di orientare il gusto verso la semplicità toscana in un momento in cui c’è bisogno di chiarezza e di precisi indirizzi.” Ricette di giardini è stato presentato in anteprima al Garden Club di Livorno il 13 novembre 2013 .

 

Maria Chiara Pozzana

Ricette di Giardini

pagine 80

formato cm. 21 x 29

stampato a colori

euro 15,00

 

per info e acquisto

mariachiara.pozzana@fastwebnet.it

g.breschi@email.it

 

 

 

 

Gennaio 2013

Attivata la prima edizione del corso di 'RESTAURO DI GIARDINI E PARCHI STORICI'

a Firenze

  ........parlano di noi nell'articolo su ' La Nazione di Firenze' del 24 gennaio 2013

LEGGI L'ARTICOLO

Febbraio 2012

COME RICHIEDERE FINANZIAMENTI PUBBLICI PER APRIRE UN AGRITURISMO

> Per poter accedere a qualsiasi tipo di finanziamento pubblico nel settore agricolo bisogna acquisire la qualifica professionale di imprenditore agricolo. In caso non si possedessero è necessario frequentare appositi corsi di formazione professionale organizzati dall’Assessorato all’agricoltura della Regione di appartenenza.

Per poter esercitare l’attività di imprenditore agricolo professionale è necessario aprire una partita IVA agricola ed iscriversi nella sezione speciale “agricoltura” della competente Camera di Commercio.

 

> L’Assessorato all’agricoltura regionale eroga il “premio di primo insediamento” a chi ha meno di 40 anni e si insedia per la prima volta in qualità di titolare di un’azienda agricola, è previsto in alcuni casi anche il finanziamento di un progetto di investimenti per miglioramento aziendale. La domanda di accesso al finanziamento deve essere presentata direttamente presso la Regione seguendo indicazioni e modulistica indicata nell’apposito bando pubblicato sul BUR e sul sito web dell’ Assessorato all’agricoltura della Regione.


> Altri finanziamenti vengono erogati con la misura 3.1.1 del PSR “diversificazione in attività non agricole”. Questi contributi hanno l’obiettivo prioritario di promuovere la diversificazione delle opportunità di lavoro e di reddito per le imprese agricole, ampliando e consolidando le attività connesse all’agricoltura, tra le quali è compresa la gestione di un agriturismo.

 

REGIONE TOSCANA

PIANO DI SVILUPPO RURALE, TUTTE LE SCADENZE PER LE IMPRESE TOSCANE


PER INFO:

www.toscana.coldiretti.it

REGIONE PUGLIA

Misura 311

scadenza 26/03/2012

Riaperto il Bando per la Misura 311 “Diversificazione in attività non agricole”– Azione 1 “Investimenti funzionali alla fornitura di ospitalità agrituristica in contesto aziendale secondo le disposizioni normative vigenti“.

Le risorse finanziarie residue per il presente Bando sono pari a € 452.443,22.

Prossima scadenza utile: 26 marzo 2012

 

 

PER INFO:

www.galseb.it

 

REGIONE BASILICATA

Misura 311

scadenza 05/03/2012

Misura 311 azione A e B : Regione Basilicata

 

"Misura 311: Diversificazione in attività non agricole" 

scadenza 05-03-2012

 

PER INFO:

http://www.reterurale.it

 

Gennaio 2012

AGRITURISMI: criteri nazionali di classificazione

L'Osservatorio nazionale dell'Agriturismo ha approvato, in sede tecnica, i criteri di classificazione nazionale delle aziende agrituristiche. Il nuovo sistema, che punta a rendere più omogenea la griglia di valutazione, sarà inviato alla Conferenza Stato-Regioni per la defifnitiva approvazione.

Il nuovo sistema di classificazione unitaria, che sarà inviato alla Conferenza Stato-Regioni per la definitiva approvazione, ha l’obiettivo di rendere più omogenea la griglia di valutazione delle aziende agrituristiche, sulla base di parametri che tengono conto non solo del livello di comfort della struttura ricettiva, ma anche delle caratteristiche dell’azienda e dei servizi che è in grado di offrire, in termini di valorizzazione dei prodotti tipici locali, del paesaggio e dei territori.

Come gli alberghi, anche gli agriturismi saranno quindi classificati in cinque categorie.

 

PER INFO:

http://www.reterurale.it

Dicembre 2011

E' L'ORA DEI TETTI VERDI E GIARDINI PENSILI

Novembre 2011

PUGLIA-MISURA 311 Azione1: Agriturismo- Riapertura Bando

A partire dal 29 ottobre 2011, si riapre il Bando per la Misura 311 “Diversificazione in attività non agricole”– Azione 1 “Investimenti funzionali alla fornitura di ospitalità agrituristica in contesto aziendale secondo le disposizioni normative vigenti“.

Le risorse finanziarie residue per il presente Bando sono pari a € 95.142,62.

Prossima scadenza utile: 27 dicembre 2011

 

PER INFO:

www.galseb.it

 

Febbraio 2011

E' L'ORA DEGLI ORTI

MISURA 311

Contributi a fondo perduto

per gli agriturismi in Toscana

Per partecipare alla graduatoria relativa ai fondi disponibili nell’annualità 2011 (fase IV) del Programma di sviluppo rurale 2007/2013 – REG. (CE) 1698/2005 , BANDO MISURA 311- ‘Diversificazione in attività non agricole’,

la domanda può essere presentata entro il 31 marzo 2011.

Il Piano di Sviluppo Rurale, misura 311 “Diversificazione in attività non agricole”, azione B offre un sostegno, pari al 40% a fondo perduto, per gli investimenti per la qualificazione dell’offerta agrituristica, compresi gli investimenti su fabbricati e spazi aperti dell’azienda.

Beneficiari sono gli imprenditori agricoli professionali (IAP) iscritti all’anagrafe regionale che abbiano i seguenti requisiti:

a) possesso dell’UTE nella quale effettuare gli investimenti sulla base di uno dei seguenti titoli: proprietà, locazione/affitto, usufrutto, concessione o locazione di beni immobili demaniali.                                                                                                                                               b) autorizzazione all’attività agrituristica, o si impegnino ad ottenere la relativa autorizzazione entro il termine ultimo previsto per la presentazione della domanda di pagamento.

Localizzazione degli investimenti

Esclusivamente gli interventi che ricadono all’interno del territorio della Regione Toscana, realizzati nelle zone classificate come B, C1, C2 e D come definite dalla DGR 785/2007

Tipologie di investimento

1.Interventi di qualificazione dell’offerta agrituristica e interventi per la preparazione e somministrazione dei prodotti aziendali:a. Interventi volti a favorire il risparmio energetico e idrico nell’ambito dell’attività agrituristica; b. Acquisizione di certificazioni di qualità per il servizio di ricettività; c. Acquisto di attrezzature per la preparazione dei prodotti da somministrare nell’ambito dell’attività agrituristica; d. Acquisto di personal computer e dei relativi programmi software.

2. Interventi negli spazi aperti aziendali per consentire l’ospitalità agrituristica: a. Realizzazione di percorsi sicuri, in conformità con le disposizioni vigenti; b. realizzazione di aree per ospitalità in spazi aperti (agricampeggi); c. Realizzazione di eventuali volumi tecnici.

3. Interventi sui fabbricati aziendali per consentire l’ospitalità agrituristica: a. Interventi di ristrutturazione (restauro e risanamento conservativo, ristrutturazione edilizia, rinnovamento e sostituzione delle finiture, interventi di impiantistica se prevedono modifiche nelle tecnologie utilizzate); b. Realizzazione di percorsi sicuri all’interno dei locali aziendali per la visita dell’azienda da parte degli ospiti c. Eliminazione delle barriere architettoniche

Gli investimenti di cui al punto 3, lettera a. possono essere finanziati solo nelle aree rurali classificate come C2 e D ai sensi della zonizzazione di cui alla DGR n.785/2007. Gli investimenti di cui al punto 3, lettere b. e c. possono essere finanziati nelle aree classificate come B, C e D.

Spese ammissibili     

Le spese generali nel limite massimo del 10% dell’investimento a cui queste si riferiscono. Fanno eccezione le spese generali per investimenti in macchine ed attrezzature, finanziate nella misura massima dell’1% dell’investimento.    

L’ammissibilità delle spese decorre dalla data di ricezione della domanda di aiuto, ad eccezione delle spese propedeutiche alla presentazione della stessa che comunque non possono essere antecedenti i 12 mesi dalla ricezione della domanda.

Tipologia del contributo  

Contributo a fondo perduto pari al 40% del costo ammissibile, elevato al 50% qualora l’investimento sia realizzato in zone montaneai sensi della Direttiva 75/268/CEE e sulla base della classificazione dell’Anagrafe regionale delle aziende agricole presso ARTEA. L’importo minimo del contributo concedibile per beneficiario è: - € 5.000 :spese per investimenti materiali con opere edili; - € 2.000: spese per investimenti materiali senza opere edili. L’importo massimo del contributo concedibile per beneficiario è di 200.000 € per ogni annualità finanziaria, nel rispetto del regime de minimis.

 

Per info

http://www.regione.toscana.it/regione/export/RT/sito-RT/Contenuti/sezioni/agricoltura/sviluppo_rurale/rubriche/opportunita_scadenze/visualizza_asset.html_523430272.html

seguici su:

Google+
Newsletter

iscriviti alla newsletter per ricevere informazioni

Skype Me™!

in collaborazione con 

Casalta s.a.s.

Società per la promozione e

valorizzazione di parchi e giardini

 

FREE DOWNLOAD

MIXED BORDER
bordo+prim-est-2011.pdf
Documento Adobe Acrobat [6.1 MB]
Download