NEWS

Gennaio 2013

Attivata la prima edizione del corso di 'RESTAURO DI GIARDINI E PARCHI STORICI'

a Firenze

  ........parlano di noi nell'articolo su ' La Nazione di Firenze' del 24 gennaio 2013

LEGGI L'ARTICOLO

Febbraio 2012

COME RICHIEDERE FINANZIAMENTI PUBBLICI PER APRIRE UN AGRITURISMO

> Per poter accedere a qualsiasi tipo di finanziamento pubblico nel settore agricolo bisogna acquisire la qualifica professionale di imprenditore agricolo. In caso non si possedessero è necessario frequentare appositi corsi di formazione professionale organizzati dall’Assessorato all’agricoltura della Regione di appartenenza.

Per poter esercitare l’attività di imprenditore agricolo professionale è necessario aprire una partita IVA agricola ed iscriversi nella sezione speciale “agricoltura” della competente Camera di Commercio.

 

> L’Assessorato all’agricoltura regionale eroga il “premio di primo insediamento” a chi ha meno di 40 anni e si insedia per la prima volta in qualità di titolare di un’azienda agricola, è previsto in alcuni casi anche il finanziamento di un progetto di investimenti per miglioramento aziendale. La domanda di accesso al finanziamento deve essere presentata direttamente presso la Regione seguendo indicazioni e modulistica indicata nell’apposito bando pubblicato sul BUR e sul sito web dell’ Assessorato all’agricoltura della Regione.


> Altri finanziamenti vengono erogati con la misura 3.1.1 del PSR “diversificazione in attività non agricole”. Questi contributi hanno l’obiettivo prioritario di promuovere la diversificazione delle opportunità di lavoro e di reddito per le imprese agricole, ampliando e consolidando le attività connesse all’agricoltura, tra le quali è compresa la gestione di un agriturismo.

 

REGIONE TOSCANA

PIANO DI SVILUPPO RURALE, TUTTE LE SCADENZE PER LE IMPRESE TOSCANE


PER INFO:

www.toscana.coldiretti.it

REGIONE PUGLIA

Misura 311

scadenza 26/03/2012

Riaperto il Bando per la Misura 311 “Diversificazione in attività non agricole”– Azione 1 “Investimenti funzionali alla fornitura di ospitalità agrituristica in contesto aziendale secondo le disposizioni normative vigenti“.

Le risorse finanziarie residue per il presente Bando sono pari a € 452.443,22.

Prossima scadenza utile: 26 marzo 2012

 

 

PER INFO:

www.galseb.it

 

REGIONE BASILICATA

Misura 311

scadenza 05/03/2012

Misura 311 azione A e B : Regione Basilicata

 

"Misura 311: Diversificazione in attività non agricole" 

scadenza 05-03-2012

 

PER INFO:

http://www.reterurale.it

 

Gennaio 2012

AGRITURISMI: criteri nazionali di classificazione

L'Osservatorio nazionale dell'Agriturismo ha approvato, in sede tecnica, i criteri di classificazione nazionale delle aziende agrituristiche. Il nuovo sistema, che punta a rendere più omogenea la griglia di valutazione, sarà inviato alla Conferenza Stato-Regioni per la defifnitiva approvazione.

Il nuovo sistema di classificazione unitaria, che sarà inviato alla Conferenza Stato-Regioni per la definitiva approvazione, ha l’obiettivo di rendere più omogenea la griglia di valutazione delle aziende agrituristiche, sulla base di parametri che tengono conto non solo del livello di comfort della struttura ricettiva, ma anche delle caratteristiche dell’azienda e dei servizi che è in grado di offrire, in termini di valorizzazione dei prodotti tipici locali, del paesaggio e dei territori.

Come gli alberghi, anche gli agriturismi saranno quindi classificati in cinque categorie.

 

PER INFO:

http://www.reterurale.it

Dicembre 2011

E' L'ORA DEI TETTI VERDI E GIARDINI PENSILI

Novembre 2011

PUGLIA-MISURA 311 Azione1: Agriturismo- Riapertura Bando

A partire dal 29 ottobre 2011, si riapre il Bando per la Misura 311 “Diversificazione in attività non agricole”– Azione 1 “Investimenti funzionali alla fornitura di ospitalità agrituristica in contesto aziendale secondo le disposizioni normative vigenti“.

Le risorse finanziarie residue per il presente Bando sono pari a € 95.142,62.

Prossima scadenza utile: 27 dicembre 2011

 

PER INFO:

www.galseb.it

 

Febbraio 2011

E' L'ORA DEGLI ORTI

MISURA 311

Contributi a fondo perduto

per gli agriturismi in Toscana

Per partecipare alla graduatoria relativa ai fondi disponibili nell’annualità 2011 (fase IV) del Programma di sviluppo rurale 2007/2013 – REG. (CE) 1698/2005 , BANDO MISURA 311- ‘Diversificazione in attività non agricole’,

la domanda può essere presentata entro il 31 marzo 2011.

Il Piano di Sviluppo Rurale, misura 311 “Diversificazione in attività non agricole”, azione B offre un sostegno, pari al 40% a fondo perduto, per gli investimenti per la qualificazione dell’offerta agrituristica, compresi gli investimenti su fabbricati e spazi aperti dell’azienda.

Beneficiari sono gli imprenditori agricoli professionali (IAP) iscritti all’anagrafe regionale che abbiano i seguenti requisiti:

a) possesso dell’UTE nella quale effettuare gli investimenti sulla base di uno dei seguenti titoli: proprietà, locazione/affitto, usufrutto, concessione o locazione di beni immobili demaniali.                                                                                                                                               b) autorizzazione all’attività agrituristica, o si impegnino ad ottenere la relativa autorizzazione entro il termine ultimo previsto per la presentazione della domanda di pagamento.

Localizzazione degli investimenti

Esclusivamente gli interventi che ricadono all’interno del territorio della Regione Toscana, realizzati nelle zone classificate come B, C1, C2 e D come definite dalla DGR 785/2007

Tipologie di investimento

1.Interventi di qualificazione dell’offerta agrituristica e interventi per la preparazione e somministrazione dei prodotti aziendali:a. Interventi volti a favorire il risparmio energetico e idrico nell’ambito dell’attività agrituristica; b. Acquisizione di certificazioni di qualità per il servizio di ricettività; c. Acquisto di attrezzature per la preparazione dei prodotti da somministrare nell’ambito dell’attività agrituristica; d. Acquisto di personal computer e dei relativi programmi software.

2. Interventi negli spazi aperti aziendali per consentire l’ospitalità agrituristica: a. Realizzazione di percorsi sicuri, in conformità con le disposizioni vigenti; b. realizzazione di aree per ospitalità in spazi aperti (agricampeggi); c. Realizzazione di eventuali volumi tecnici.

3. Interventi sui fabbricati aziendali per consentire l’ospitalità agrituristica: a. Interventi di ristrutturazione (restauro e risanamento conservativo, ristrutturazione edilizia, rinnovamento e sostituzione delle finiture, interventi di impiantistica se prevedono modifiche nelle tecnologie utilizzate); b. Realizzazione di percorsi sicuri all’interno dei locali aziendali per la visita dell’azienda da parte degli ospiti c. Eliminazione delle barriere architettoniche

Gli investimenti di cui al punto 3, lettera a. possono essere finanziati solo nelle aree rurali classificate come C2 e D ai sensi della zonizzazione di cui alla DGR n.785/2007. Gli investimenti di cui al punto 3, lettere b. e c. possono essere finanziati nelle aree classificate come B, C e D.

Spese ammissibili     

Le spese generali nel limite massimo del 10% dell’investimento a cui queste si riferiscono. Fanno eccezione le spese generali per investimenti in macchine ed attrezzature, finanziate nella misura massima dell’1% dell’investimento.    

L’ammissibilità delle spese decorre dalla data di ricezione della domanda di aiuto, ad eccezione delle spese propedeutiche alla presentazione della stessa che comunque non possono essere antecedenti i 12 mesi dalla ricezione della domanda.

Tipologia del contributo  

Contributo a fondo perduto pari al 40% del costo ammissibile, elevato al 50% qualora l’investimento sia realizzato in zone montaneai sensi della Direttiva 75/268/CEE e sulla base della classificazione dell’Anagrafe regionale delle aziende agricole presso ARTEA. L’importo minimo del contributo concedibile per beneficiario è: - € 5.000 :spese per investimenti materiali con opere edili; - € 2.000: spese per investimenti materiali senza opere edili. L’importo massimo del contributo concedibile per beneficiario è di 200.000 € per ogni annualità finanziaria, nel rispetto del regime de minimis.

 

Per info

http://www.regione.toscana.it/regione/export/RT/sito-RT/Contenuti/sezioni/agricoltura/sviluppo_rurale/rubriche/opportunita_scadenze/visualizza_asset.html_523430272.html

seguici su:

Google+
Newsletter

iscriviti alla newsletter per ricevere informazioni

Skype Me™!

in collaborazione con 

Casalta s.a.s.

Società per la promozione e

valorizzazione di parchi e giardini

 

FREE DOWNLOAD

MIXED BORDER
bordo+prim-est-2011.pdf
Documento Adobe Acrobat [6.1 MB]
Download